logoAltotasso Osterie-Italia-rounded-150baroftheyear-150
Altotasso-logo-100

ARS MAGNA

ALESSANDRO BAX BASTARI
presenta
ARS MAGNA
Mostra Pittorica
Sabato 20 Ottobre 2007 - Vernissage
fino al 16 novembre
the_big_bross

il_lupo_della_steppa_urbana

la_mareggiata

Zap e Ida - Iraq, Cofferati e Vaff...

Zap-Ida-Cofferati

ZAP, il disegnatore più veloce d'Italia e IDA teorica della comprensione, formano una coppia di moderni cantastorie che accompagnata da una lavagna luminosa mette in scena uno spettacolo irresistibile di disegno e umorismo passando da uno stile giocoso al sarcasmo più pungente.

ZapIda1


Zap-Ida-2


Zap-Ida-3


Zap-Ida-4


Zap-Ida-5


Zap-Ida-6


Zap-Ida-7


Zap-Ida-8


Zap-Ida-9

MAURIZIO DEORITI

MAURIZIO DEORITI
15 Giugno - 15 Luglio 2007

maurizio_deoriti2

Maurizio Deoriti è un musicista appartenente alla generazione del '60, ha studiato a Milano, oltre che con compositori come Donatoni e Sciarrino, con il noto pianista Bruno Canino.

Ha iniziato giovanissimo i suoi studi musicali di fisarmonica e pianoforte con la professoressa Teresa Maiorana, proseguendoli al Conservatorio "G.B Martini" di Bologna con Arturo Masetti. Si è diplomato al Conservatorio "G.Verdi" di Milano sotto la guida di Bruno Canino con il massimo dei voti, la lode e la menzione speciale, frequentando nel frattempo il corso di Composizione di Franco Donatoni. Si è perfezionato con Emma Pasi Scannavini e Daniel Rivera.pianeti

Vincitore assoluto dei premi nazionali "Liszt" (1981) e "Czerny" (1982), primo degli italiani (secondo ex-aequo) al "Viotti" (1981). Ha iniziato la sua attività concertistica suonando per le principali associazioni ed enti musicali italiani: Regio di Torino, R.A.I. di Roma e di Milano, Piccola Scala di Milano, Festival Aterforum, Accademia Chigiana di Siena, ecc.

Il lungo curriculum testimonia la fitta e multiforme attività. Deoriti suona abitualmente il repertorio classico e romantico, ma gli piace elaborare le sue proposte di programma in modo originale e al di fuori delle consuete distinzioni fra generi e categorie. Dalla musica contemporanea allo studio della produzione Lisztiana più inconsueta.

Dalle dimenticate trascrizioni per pianoforte solo di Kleinmichel, Ettore Pezzoli, Max Schultze, alle trascrizioni per pianoforte a quattro mani di Hugo Ulrich. Da escursus nella musica russa (Borodin e Liapunov) e sovietica (Khacjaturjan e Kabalevsky) a carrellate sulla musica americana di fine Ottocento, fino ad arrivare al jazz colto e classicheggiante di Gershwin e quello attualissimo e spregiudicato dei Children's Songs di Chick Corea.
Ha suonato come solista con orchestre quali l'Orchestra Sinfonica RAI di Milano, l'Orchestra di Stato Rumena, quella della Scuola di musica di Fiesole. Ha collaborato con il gruppo "Octandre" eseguendo i più rappresentativi compositori di musica contemporanea; con il gruppo di Marco Dalpane per la musica da film. Si è esibito in svariate combinazioni di musica da camera : con viola (Bartoletti, Vismara), violino (Poggi, Raimondi, Rogliano), violoncello (Boni, Campagnaro, Guerzoni, Simoncini), clarinetto (Righetto, Tirincanti), flauto (Coppi, Melli, Mercelli, Zagnoni, Zeyfart, Zini), chitarra (Bonaguri), corno (Corti), soprano (Munari, Smith, Forbes-Butler), con voce recitante (Patarino), in duo pianistico a quattro mani (Di Bella, Modugno, Montanaro, Sgrilli, Valentini), eccetera.
02_lorchestra_tra_le_nuvole
Alla metà degli anni Ottanta, nell'Appennino bolognese, ha fondato e diretto la Scuola di qualificazione Musicale (con sedi a Sasso Marconi, Vado e Vergato) e il Festival "Da Vivaldi a Bussotti" (VIII edizioni, dal 1985 al 1992).
Dagli anni Novanta ha lavorato come direttore d'orchestra, con "l' Estro Armonico" di Prato, "l' Orchestra da Camera del Conservatorio di Rovigo" e "l' Ensemble del Conservatorio di Rovigo".
Nello stesso periodo si è dedicato alla composizione di opere (composizioni per pianoforte solo, sonate, canzoni, lieder, operine, ecc.) molte delle quali già eseguite in pubblico. La sua operina da camera Il Parapsicologo Perplesso è stata rappresentata nel 2003 al Teatro Studio di Rovigo; nel 2004 al ridotto del Teatro Comunale di Ferrara e al Teatro Groggia di Venezia. Nel 2005 sarà rappresentata la sua seconda operina buffa: "Messa Nera".

Di Brahms ha inciso : le Sonate Op. 120 per clarinetto e pianoforte col clarinettista Gaspare Tirincanti e il Trio in La min. Op. 114 con il violoncellista Marco Boni (1993 Sipario Dischi); il Trio Op. 101 in Do min. per violino, violoncello e pianoforte con Marco Rogliano e Teodora Campagnaro (1998 Velut Luna).

Maurizio Deoriti è docente di Musica da Camera al Conservatorio di Rovigo. E' nato a Bologna il 22 gennaio 1957. Vive a Bologna.

Link al sito ufficiale di Maurizio Deoriti

NOMADI - Paola Stefanizzi

Associazione Culturale ARTKRAPFEN e Enoteca ALTOTASSO

presentano

NOMADI

Mostra Fotografica di Paola Stefanizzi

dal 14 Aprile 2007 al 12 Maggio 2007
paola_stefanizzi

Leggi tutto

Viaggio tra i popoli dell'Africa equatoriale

  Martedì 6 Marzo ore 21:00

krapfen_art 

presenta

Viaggio tra i popoli dell'Africa equatoriale: usi, costumi e risorse.

ATTILIO SARTIRANI

africa viaggio

Scarica il manifesto in pdf 335.16 Kb

Enoteca Altotasso
in collaborazione con
Associazione culturale Art&Krapfen

presenta

Viaggio tra i popoli dell'Africa equatoriale: usi, costumi e risorse

Immagini di Attilio Sartirani

Verrà presentata martedì 6 marzo alle ore 21.00 presso l'Enoteca Altotasso di piazza San Francesco a Bologna la proiezione di una selezione di diapositive realizzate da Attilio Sartirani nel corso della sua ormai trentennale attività come volontario nel continente africano nell'ambito di progetti per lo sviluppo intitolata Viaggio tra i popoli dell'Africa equatoriale: usi, costumi e risorse.
Originario di Bergamo, ma bolognese d'adozione, Attilio Sartirani ha dedicato gran parte della sua vita alla formazione di numerosissimi lavoratori degli stati centrali dell'Africa. Inizia la sua avventura negli anni '70 con un viaggio lungo il percorso del fiume Nilo, ma ben presto si dirige verso lo Stato che più d'ogni altro ha rappresentato per lui una passione: il Kenia. Qui, ma anche negli stati limitrofi, Sartirani, ben lontano da facili moralismi, ha insegnato le fondamentali  tecniche di costruzione, scelta dei materiali e tutto quanto potesse essere utile all'attività edilizia contribuendo a formare una cerchia di tecnici preparati ed esperti.
Quasi in parallelo Attilio Sartirani ha iniziato a documentare il suo lavoro con molti, ormai moltissimi, scatti fotografici. La proiezione che verrà proposta al wine bar Alto Tasso in collaborazione con l'Associazione culturale Art&Krapfen presenterà un ciclo rappresentativo delle divise situazioni immortalate: dai momenti legati al lavoro quotidiano a paesaggi mozzafiato, da rappresentazioni quasi emblematiche delle difficoltà in cui versa tanta popolazione a scene che velocemente riportano l'attenzione sulla contemporaneità della società africana. Proprio il tema tanto contemporaneo quanto dimenticato della cosìddetta "Questione Africana" è al centro dell'obiettivo degli organizzatori della serata: la sensibilizzazione dell'opinione pubblica spesso troppo costretta dentro i facili schemi del dibattito televisivo.

Scheda tecnica

Titolo:                           Viaggio tra i popoli dell'Africa equatoriale: usi costumi e risorse
Autore:                          Attilio Sartirani
Proiezione:                    Martedì 6 marzo 2007 ore 21.00
Luogo:                          Enoteca Altotasso

In collaborazione con:    Associazione culturale Art & Krapfen

Info:                             Associazione culturale Art&Krapfen
                                   www.myspace.com/artkrapfen
                                   www.myspace.com/art_krapfen (da qui è scaricabile il manifesto della serata)
                                   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Enoteca Altotasso:      Piazza San Francesco 6/d, Bologna
                                  Tel. + 39 051 238003
                                  Cell. +39 348 9530166
                                  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
                                  Aperto da Lunedì a Giovedì e la Domenica dalle 16:30 alle 2:30
                                  Venerdì e Sabato dalle 16.30 alle 3.00

                                  Tel +39.320.3591567
 

+387- Calling Bosnia - Piccolo Formato

+387- Calling Bosnia - Piccolo Formato

calling bosnia fronte piccolo formato

L’associazione di Fotografi "Piccolo Formato", col patrocinio della Regione Emilia Romagna, presenta "+387- Calling Bosnia", documentari, mostre ed incontri sul passato decennio post-bellico della Bosnia e sulle iniziative intraprese per superare l’eredità economica del conflitto.

Leggi tutto

ORARI

Aperto tutti i giorni
dom-gio 16:30 - 3:00
sab-ven 16:30 - 4:30
Seguici sui Social Network
 
  

Contatti

tel: + 39 051 238003
info@altotasso.com